Salta al contenuto principale

COVID, INDIVIDUATO PER LA PRIMA VOLTA NELLE LACRIME DI UN PAZIENTE PEDIATRICO

Una ricerca dello Spallanzani aveva già scoperto l’attività del virus nelle secrezioni oculari dei soggetti affetti da Sars-CoV-2: l’Ospedale San Matteo di Pavia ha, invece, individuato il primo caso in una persona molto giovane, 11 anni, che, risultata positiva al tampone naso-faringeo, è stata sottoposta anche a un tampone congiuntivale che ha rilevato la presenza del coronavirus

«L'identificazione di Sars-CoV-2 in un campione oculare di un paziente pediatrico Covid-19 ha dimostrato che il virus potrebbe essere rilevato in campioni congiuntivali non solo negli adulti, ma anche nei bambini», commenta Luciano Quaranta, direttore di Oculistica della struttura pavese. È questa la recente scoperta del Policlinico San Matteo di Pavia che, come riportato da diversi media, ha annunciato la pubblicazione sull'European Journal of Ophthalmology di uno studio condotto da clinici e ricercatori della Fondazione Irccs, relativo al «primo caso di identificazione di Sars-CoV-2 in un campione oculare di paziente pediatrico». Si tratta di un undicenne indirizzato alla Clinica pediatrica dell'ospedale di Pavia per indagini mediche, a causa di contatti prolungati e stretti con un membro della famiglia affetto da Covid-19.

«A prima visita il paziente era asintomatico, senza tosse, febbre, stanchezza, mal di gola o diarrea, e non era presente alcun segno di infezione del tratto respiratorio - spiega Gianluigi Marseglia, direttore di Pediatria del San Matteo - Le analisi del sangue hanno mostrato un leggero aumento dei valori delle transaminasi e l'esame ecografico del polmone indicava una lieve irregolarità pleurica, associata a interstiziopatia di grado lieve». Il ragazzino è stato dunque sottoposto a tampone naso-faringeo, risultato poi positivo a Covid-19. I clinici hanno deciso di tenerlo in osservazione e qualche giorno dopo il ricovero il paziente ha iniziato a lamentare sintomi oculari lievi come bruciore e lacrimazione, che hanno spinto i medici a chiedere una valutazione oftalmologica. «Per quanto a nostra conoscenza questo è il primo rapporto sull’identificazione del Sars-CoV-2 in campioni oculari di un paziente pediatrico con sintomi, ma senza segni di coinvolgimento - dice ancora Quaranta - Tuttavia, nonostante la contaminazione attraverso le lacrime sia teoricamente possibile, non è ancora chiaro se questa possa essere considerata una via importante di diffusione del Covid» (immagine tratta da Freepik).