Salta al contenuto principale

Gli igienizzanti per mani possono danneggiare gli occhi dei bambini

La pandemia di Covid-19 ha reso i gel igienizzanti per le mani ampiamente disponibili all’interno dei luoghi pubblici, determinando un rischio di esposizioni involontarie degli occhi, in particolare tra i bambini. Lo dimostra uno studio prospettico francese che ha analizzato i dati provenienti dai Centri Antiveleni e dalla Fondazione Adolphe de Rothschild, un ospedale pediatrico di riferimento per l’Oftalmologia a Parigi[1].

L’indagine, pubblicata su Jama Ophthalmology, ha evidenziato nel 2020 un incremento di 7 volte dei casi di esposizione oculare pediatrica dovuta all’uso di soluzioni alcoliche per la disinfezione delle mani rispetto all’anno precedente. In particolare, sono stati esaminati i casi di esposizione oculare ad agenti chimici nei bambini nel periodo che va dall’1 aprile al 24 agosto 2020. Nel 2019, nello stesso periodo si registrava l’1,3% delle esposizioni oculari pediatriche rispetto al 9,9% del 2020.

Nel 2020, il numero dei casi avvenuti all’interno di luoghi pubblici è passato dal 16,4% di maggio al 52,4% di agosto. Contemporaneamente, nello stesso periodo sono aumentati i ricoveri in ospedale dovuti all’esposizione oculare alla base alcolica degli igienizzanti: nel 2020 sono stati registrati 16 casi di bambini rispetto ad un solo bambino nel 2019. Otto di questi bambini hanno presentato un'ulcera corneale e/o congiuntivale e, in 6 di loro, più del 50% della superficie corneale è stata danneggiata. Due casi gravi, infine, hanno richiesto un intervento chirurgico per il trapianto di membrana amniotica.

Sebbene questi casi non siano così numerosi, i danni agli occhi possono essere significativi. Come osservano i ricercatori, infatti, molti disinfettanti per mani hanno un’alta concentrazione di etanolo che può distruggere le cellule corneali.

I casi ospedalieri hanno riguardato tutti bambini di età inferiore a 4 anni e, secondo i ricercatori, questa specificità è probabilmente dovuta alla posizione del dispenser per gel in prossimità dei volti dei bambini. “In tutti i paesi – concludono i ricercatori – è richiesta cautela nel posizionare gli erogatori in luoghi pubblici, oltre a illustrazioni informative che sottolineino il rischio di esposizioni involontarie nei bambini, per prevenire ulteriori gravi lesioni oculari”. Un’ottima ragione per non toccarsi gli occhi con le mani anche dopo aver utilizzato il disinfettante.


[1] Cfr. G. C. Martin, Pediatric Eye Injuries by Hydroalcoholic Gel in the Context of the Coronavirus Disease 2019 Pandemic, in “Jama Ophthalmology”, Gennaio 2021.